Ti trovi in: Home  »  Da visitare a Gaeta
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Da visitare a Gaeta

Città antichissima, secondo la leggenda, il suo nome deriva dalla nutrice di Enea. Gaeta è una penisola splendidamente adagiata sul mare.
E' anche una città ricca di storia: ducato autonomo nonché gloriosa Repubblica marinara, inglobata poi,nel Regno borbonico di cui sarà ultimo baluardo prima dell'Unità d'Italia.

Sono numerosi i posti da visitare a Gaeta: il Santuario della Montagna Spaccata, celebre per la miracolosa spaccatura; la città vecchia con le sue porte e le sue chiese che oltre ad essere importanti luoghi di culto, sono piccole pinacoteche; il museo diocesano che rappresenta la più grande raccolta di arte di tutto il Lazio sud; il percorso storico naturalistico di Monte Orlando dove tra la macchia mediterranea e le falesie, spuntano le polveriere e le batterie di epoca borbonica.
Si può inoltre, vedere Gaeta dal mare: comode ma non troppo grandi imbarcazioni permettono di fare il giro delle 7 spiagge, dell' oasi blu e di vedere il promontorio con spettacolari spaccature a picco sul mare.

Il borgo medievale di S. Erasmo

La cattedrale o Duomo di S. Erasmo, con il museo diocesano, trasformato nel Settecento, che conserva importanti pezzi d'arte nelle navate e nella cripta. Consacrata nel 1106 dal pontefice Pasquale II ha perciò celebrato il novecentesimo anniversario di fondazione. Nel grande palazzo diocesano trova posto anche uno dei più antichi e ricchi archivi.
Il campanile del Duomo, del XIII secolo, elegante simbolo civico;
la chiesa quattrocentesca ma rifatta nel Settecento della Santissma Annunziata, con l'annessa splendida "Grotta d'Oro", ricca di dipinti, e sede del Centro Storico culturale "Gaeta", che custodisce una serie di dipinti e documenti vari; le dimesse chiese di San Giovanni a mare, della Sorresca, di San Domenico, di Santa Lucia, di Santa Caterina d'Alessandria, e la neogotica chiesa di San Francesco, concepita a metà Ottocento;
il quattrocentesco Santuario della Santissima Trinità sul fianco occidentale di Monte Orlando nei pressi della Montagna Spaccata;
i mausolei romani di Lucio Munazio Planco, sul Monte Orlando, e di Lucio Sempronio Atratino, nella dirimpettaia e omonima collinetta urbanizzata;
resti di bastioni, delle antiche mura, delle porte del quartiere.

Gaeta ha anche un secondo nucleo urbano, un tempo comune autonomo, col nome di Elena (localmente è chiamato anche Borgo o Piaja), che precede il borgo medievale e si svolge lungo la colorita via Indipendenza, ricca di odori e di un senso antico della vita, dalla quale si dipartono numerosi vicoli. Qui si trovano le antiche chiese di San Giacomo o della terra rossa (XVI sec.) e di S. Maria di Porto Salvo o degli Scalzi, alla quale si dedica a Ferragosto una processione a mare.

Il terzo nucleo di Gaeta si raccoglie attorno alla bella spiaggia di Serapo che comprende la zona residenziale ed estiva, con numerosi stabilimenti balneari e un'ampia passeggiata alle spalle dell'arenile.
Gaeta è famosa anche per i cantieri navali che costruiscono yacht e racer, epigoni di una tradizione marinaresca millenaria, quella dei maestri d'ascia, che si è tramandata di famiglia in famiglia prima dell'industrializzazione. Oggi, in particolare sul Lungomare Caboto, si trovano aziende di primissimo piano. Due nomi storici della nautica i Cantieri Navali del Golfo ed i Cantieri ltalcraft di Gaeta, oggi Rizzardi hanno dato vita ad un nuovo gruppo leader nel mercato della nautica da diporto. L'Italcraft dagli anni '60 ha fatto storia con le soluzioni innovative adottate per le sue imbarcazioni da diporto tra i 9 e i 30 metri. I Cantieri Navali del Golfo hanno costruito le prestigiose imbarcazioni della serie Ipanema ed in campo militare motovedette dai 10 ai 40 metri per varie marinerie italiane ed estere; in campo civile idroambulanze, unità d'appoggio per sommozzatori e per ricerche scientifiche sull'ambiente marino. Tra gli altri spiccano i cantieri navali Di Donna e i cantieri Buonomo che costruiscono velocissime imbarcazioni da competizione.


Numeri utili

Museo del Centro Storico Culturale
Via Annunziata 7, tel.07714681

Museo Diocesano e delle Religiosità del Parco degli Aurunci

c/o Palazzo De Vie, te1.07714530233

Santuario della Montagna Spaccata e Grotta del Turco
tel.0771462068

Mausoleo di L. M. Planco


Stampa la pagina Chiedi informazioni

Golfo di Gaeta

Il Golfo di Gaeta e' la parte meridionale della Provincia di Latina, l'ultimo tratto della Riviera di Ulisse, da Sperlonga fino al fiume Garigliano, confine naturale con la Campani