Ti trovi in: Home  »  Da visitare a Gaeta  »  La natura di Gaeta  »  Area Protetta di Monte Orlando
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Area Protetta di Monte Orlando

Gaeta città piena di colori, di bellezze naturali come il Parco di Monte orlando. E' una riserva per il futuro, un grande patrimonio per tutti.Un lungo viale introduce il parco che è transennato per non farvi accedere le macchine. Da quì si inizia ad ammirare lo spettacolo della vegetazione. La strada in salita è piena di piccole scorciatoie che si inoltrano nel bosco, dove si possono ammirare piante secolari e funghi molto variopinti. Il bosco, molto fresco, esprime tutta la forza della natura e il cammino, un pò lungo e faticoso, ma allo stesso tempo mistico ed entusiasmante. Sempre salendo si arriva sulla strada della Carolina e quì una piccola terrazza di legno permentte di ammirare un panorama mozza fiato circondato dal mar Tirreno.

Monte Orlando è una grossa massa calcarea con pareti a strapiombo, per metà circondato dal mare.
Il parco mostra ai visitatori quanto di più vario la natura possa offrire: specie vegetali (palma nana, carrubi secolari, lecci, lentisco, mirto, cisti, euforbie, orchidee spontanee) e animali (avifauna migratoria e stanziale: gheppi, civette, falchi pellegrini, gabbiani reali e comuni, upupa, ghiandaie marine, rondoni alpini; piccoli mammiferi, roditori e rettili).

Oltre a godere di un'ampia veduta su tutta l'area del Golfo e le Isole Pontine, si possono ammirare vestigia storiche: il Mausoleo romano di Lucio Munazio Planco, fortificazioni, grandi polveriere, batterie borboniche; è anche possibile rendere visita a un famoso luogo di culto e di pellegrinaggio: il Santuario della Santissima Trinità, con la "Montagna spaccata". La leggenda narra che, alla morte di Cristo, un terremoto abbia spaccato la roccia intre parti: una di queste fenditure, detta la Grotta del Turco, evoca storie di scorribande saracene; un'altra è, propriamente, la "Montagna spaccata", percorsa da una scalinata che porta alla cappellini del Crocefisso, costruita su un masso rimasto incastrato tra le pareti rocciose. Il parco si estende per 54 km e ha un'altezza massima di 171 m. L'accesso è possibile sia dal quartiere medievale di Sant'Erasmo sia da Serapo.
È vietato l'ingresso di mezzi motorizzati.
Informazioni: Tel. 0771743070.

Lo specchio di mare antistante il Parco di Monte Orlando è Oasi Blu, in concessione al WWF Italia per la tutela e la conservazione dell'ecosistema marino, con attività educative, ricreative e di ricerca. Sono vietati la navigazione, l'ormeggio e la pesca.
Il fondale roccioso è ricoperto di alghe, spirografi, gorgonie, margherite, e popolato di molluschi, ricci e stelle marine, nudibranchi, piccoli crostacei ed aragoste.
Numerosi i pesci: donzelle, scorfani, saraghi, cernie, fragolini, orate, spigole e dentici. Sopravvive la prateria di Posidonia oceanica.
Oltre alle immersioni subacquee guidate al sea-watching, in particolari periodi è in funzione l'acquavideo (imbarcazione a pareti trasparenti).
L'Oasi Blu è affidata al WWF Italia, Sezione Aurunca, tel. 0771683850

E-mail monte.orlando@parks.it


Stampa la pagina Chiedi informazioni