Ti trovi in: Home  »  Prodotti tipici di Gaeta
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Prodotti tipici di Gaeta

La cucina del Golfo è fondamentalmente legata al pesce: una tradizione millenaria testimoniata dai resti delle peschiere costruite dai romani, e ancora visibili nel porto di Formia, a Sperlonga, a Ponza e Zannone, per avere sempre pesce freschissimo.
Si racconta che all'epoca di Mamurra, le palaje (nome locale delle sogliole) venivano portate a Roma protette da alghe e acqua marina. Oggi, nel Golfo, sono stati realizzati allevamenti di spigole, orate e cozze.


Tra i prodotti più noti e prelibati spicca la tiella di Gaeta, una pizza rustica imbottita di verdure (scarola e olive, oppure broccoletti, zucchine e cipolle) o di pesce (polipetti, sarde, alici).

Famose anche le olive di Gaeta che, insieme alle omologhe di Itri, vengono gustate fre­sche, alla calce, al forno, in salamoia, condite o essic­cate.

Ampia anche la produzione di ortaggi: dal seda­no bianco di Sperlonga, ai pomodori Spagnoletta di Gaeta, alla lattuga Signorinella di Formia, alla cicoria di Catalogna frastagliata di Gaeta (puntarelle).

La cucina formiana è rinomata per qualità della scelta dei componenti, accuratezza di preparazione, fantasia di piatti e, spesso, anche per un elevato rapporto quali­tà/prezzo.

Ristoratori e albergatori di Formia si sono riuniti nell'Asociazione Araf che propone cicli di menù dedicati settimanalmente a diversi piatti di por­tata.

A Gaeta è stata creata l'Associazione Gaetavola


Stampa la pagina Chiedi informazioni

Le Olive di Gaeta

Olive speciali "perche' nascono e crescono coltivate dall'amore della gente del posto. Un prodotto che, insieme ad altri alimenti tipici della zona (tielle, caniscioni, formaggi fr

LA PIZZA

Gia' abbiamo fatto cenno che Gaeta conserva nel suo Codex Diplomaticus la piu' antica testimonianza della pizza nel mondo. Il documento dell'anno 997 dimostra la voluttuosita' e l'

La Tiella di Gaeta

Questa secolare tradizione nacque la tiella che permetteva a contadini e pescatori di avere un pasto completo che si conservasse anche per alcuni giorni. Si narra che Ferdinando IV

Caniscione di Gaeta

Il Caniscione somiglia alla piu' famosa "sorella Tiella", ma se ne discosta per la farcitura. Come la Tiella, infatti, e' composto da uno strato sottile di pasta di forma

Impepata di cozze

IMPEPATA DI COZZE• Aceto: 1 spruzzo (in alternativa del vino bianco)• Aglio: 1 spicchio • Cozze: 70 cl• Olio: 1/2 bicchiere • Origano: 1 manciata • Pepe: in abbondanza • Prezzemolo