Ti trovi in: Home  »  Storia di Gaeta  »  il Patrono di Gaeta
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

il Patrono di Gaeta

Sant' Erasmo è il patrono di Gaeta e Formia. Vescovo di Antiochia, durante la persecuzione di Diocleziano venne più volte arrestato, torturato e libe­rato miracolosamente. Di fuga in fuga, evangelizzò le popolazioni tra il Libano e la Turchia fin quando, su indicazione di un angelo, si imbarcò a Durazzo per sbarcare al porto di Formia, dove, narra la vita rac­contata da Papa Gelasio li, dopo aver predicato per nove giorni morì.

La leggenda locale vuole, invece, che sia morto sviscerato, e l'iconografia ripropone spesso questa versione. Poco prima dell'842, anno in cui Formia venne distrutta dai Saraceni, le sue reli­quie furono nascoste nel duomo della vicina Gaeta. Quando vennero ritrovate, al tempo del Ducato (1X­X11 secolo), il martire venne proclamato patrono della diocesi. Il suo culto si propagò tra la marineria, che lo venera con il nome di S. Elmo. E' particolarmente venerato nel rione formia­no di Castellone, dove ha sede anche la chiesa a lui dedicata.


S. Giovanni Battista, protettore di Mola dal 1794, è venerato nella chiesa che venne annessa nel 1566 a quella di San Lorenzo, in via Abate Tosti, distrutta dal­l'ultima guerra. Nella nuova chiesa, edificata nel dopoguerra, sono conservate una statua lignea dei Battista, una tavola di Antoniazzo Romano, dei XV secolo, e dipinti del pittore formiano Antonio Sicurezza (1905-1979).


Tre Comitati di festeggiamenti sono mobilitati tutto l'anno per organizzare grandi feste, con lunimarie, grandi spettacoli, processioni, fuochi d'artificio, nelle ricorrenze dei Patroni: il 2 giugno, S. Erasmo; il 24 giugno, S. Giovanni Battista.


Stampa la pagina Chiedi informazioni